bookcrossingCari amici, cari lettori,
alla festa dell’associazione il 28 maggio faremo bookcrossing, intendendo uno scambio di libri già letti tra persone che hanno piacere di donare e ricevere in cambio un libro.
Ma la parola bookcrossing (che letteralmente significa attraversamento/ passaggio di libri) in senso stretto si riferisce alla pratica ormai abbastanza diffusa di lasciare libri nell’ambiente naturale, compreso quello urbano, affinchè possano essere ritrovati e letti da altre persone; inizia così una sorta di avventura che coinvolge il proprietario del libro, il libro stesso e i nuovi lettori. In verità questa pratica è piuttosto antica infatti si può far risalire al filosofo greco Teofrasto la prima iniziativa di liberare in mare alcuni testi chiusi in bottiglia. Oggi il meccanismo di bookcrossing “ufficiale” ruota attorno a un sito web che fornisce un numero identificativo unico da applicare al libro che permette di seguire i suoi spostamenti a livello mondiale. Chi trova il libro può segnalare il ritrovamento sul sito ed eventualmente sapere chi l’ha letto prima o lo leggerà successivamente. Questo sito creato da Ron Hornbaker e sua moglie Kaori viene messo on line per la prima volta nel 2001 e oggi conta oltre 1.644.000 membri (di cui 26.200 in Italia) e quasi 10 milioni di libri registrati.
Siete pronti per entrare anche voi nel magico mondo del bookcrossing?